Passo a passo oggetti per presepe

Buenas tardes compañeros: Como sabéis centro mis creaciones en carros reales. 

Aquí os traigo un carro de los años 30-40. Era el único conocido, pues es uno de los carros mas grandes que se conocen. Este es el carro de 4 bocoies del Sarral(Tarragona). Ahora solo queda una réplica para las fiestas de Tres Tombs (Tres Vueltas). 

Espero que sea de vuestro agrado. 

Antes que todo esto pueda desaparecer , intentaremos dejar huella de nuestro pasado; pues no sabremos donde vamos si no sabemos de donde venimos. 

By eloi

Fare un carro anni 30-40

Fare un barile o botte

by johan

fare una Persiana

by acuario

Fare una ruota del carro

by eloi

Come fare un barile o botte

Fare pane, salumi, formaggi e frutta in cera o pasta fimo

Fare una cascata al presepe

Come creare l'edera di Carlos Marcos

Grazie al nostro amico e grande Maestro del presepio spagnolo Carlos Marcos Pubblico le foto del fantastico passo passo per creare l'edera nel nostro presepe

 

Il tutorial  aiuta chiunque a creare semplici materiali molto l'effetto reale di una pianta rampicante,ovvero edera su un muro.

 

Il materiale utilizzato per ottenere il risultato dell'edera e' semplice paglia di ferro quella che si trova i ferramenta ,oppure  utilizzata nell'edilizia e non solo,  serve per pulire zone sporche da malte essiccati su mattoni dopo i lavori edili.

 

Primo passaggio da fare è  aprirla  ed effettuare le prove dove va collocata.

 

Dalle foto notiamo che, per dipingerla si usa uno spray color verde scuro che si puo' decidere di utilizzarlo prima o dopo averla incollata ma io personalmente vi consiglio prima , cosi almeno non imbrattiamo nulla.

 

La lana ferro o pagliuzza come si dice in gergo   va incollata con colla a caldo, mentre dopo aver effettuato una prima colorazione a spray si utilizza la colla vinilica e la si spalma con un pennello.

 

Il passo successivo è di far cadere del fogliame (origano, prezzemolo tritato) o meglio ancora dei prodotti per modellismo che durano nel tempo senza intaccare il colore.

Questa operazione possiamo ripeterla piu' volte, in modo da coprire meglio la superficie da simulare edera. 

NB: in alternativa alla colla bianca, possiamo usare della colla spray per tappezzerie,importante è che sia a spray come una lacca e non a filamenti.

Come creare il fuoco per presepi

Ecco il tutorial dell' amico e sopratutto  maestro Spagnolo  David Garnes Marin,  per creare l'effetto fuoco nei presepi e ceppi di legno ardenti o infuocati 

 

un effetto molto bello e realistico,con dei  materiale molto facili da trovare.

 

Materiale  per creare l'effetto fuoco : Micro lampade da 12 v, silicone trasparente, pezzi di legno.

 

Primo Passaggio: incollare i ceppi alle lampade con colla trasparente

 Poi coloriamo  con dell'acrilico rosso i punti di attacco tra le lampade e i ceppi.

Applichiamo  il silicone trasparente e incolliamo i ceppi, come da foto.

Stendere della colla vinilica supra il fuoco ed spolverare o della cenere vera o del sale o bicarbonato. Aspettiamo che asciughi prima di testarlo e quindi accenderlo. 

Fare un carretto Agricolo passo passo di Opesebbaro

In questo passo-passo mostreremo come realizzare un carretto agricolo napoletano. 

Per prima cosa si parte dal progetto. Quello mostrato in figura e’ un carretto agricolo per pastori di 32 cm. Per adattarlo a pastori di 10 cm del mio presepe ho ridotto tutte le dimensioni tramite un fattore 10/32. 

 

Per la realizzazione delle “stanghe” sono stati usati due assi quadrati da modellismo di dimensione 4x4 mm e lunghezza 17 cm. 

 

La parte iniziale delle stanghe e’ stata arrotondata e assottigliata come mostrato in figura per una lunghezza di 7 cm. 

 

Successivamente sono stati tagliati i due longheroni da disporre ai due estremi del carretto. Le dimensioni sono: spessore 4x4 mm e lunghezza 4 cm. 

 

Dopo di che sono state create le tavole del fondo. Le dimensioni sono di 4 cm di larghezza e lunghezza tale che la loro somma sia 8 cm. Lo spessore e’ di 2 mm. Si e’ utilizzato un foglio di balsa.

 

La costruzione delle ruote e’ senz’altro la parte piu’ complicata. Tramite un compasso sono stati disegnati due cerchi concentrici di diametro di 5 cm e 4 cm rispettivamente su di un folgio di balsa di 2 mm di spessore. Dopo di che sono stati disegnati i 4 assi dei raggi della ruota. 

 

Utilizzando una lastra di ottone da 1 mm sono state tagliate due strisce di circonferenza uguale a 6.28*2.5 cm e larghezza pari a 2 mm equivalente allo spessore della balsa usata per la realizzazione delle due ruote. 

 

Per frenare il carro veniva usato un oggetto come quello mostrato in foto costituito da un asse di 3.5 cm (spessore 2x2 mm) e una sorta di rettangolo di dimensioni 2 cm x 7 mm. La parte di questo rettangolo rivolta verso la ruota e’ stata sagomata a forma di mezza luna in modo da poter combaciare esattamente alla superficie della ruota. 

 

Sono state poi realizzate le sei assicelle che permettevano di attaccare le sponde al carretto. Per queste assicelle sono state usati legnetti da modellismo di spessore di 2x2 mm e lunghezza 3.5 cm. La parte finale delle assicelle e’ stata limata opportunamente come mostrato in figura. 

 

L’asse delle ruote e’ stato realizzato usando un tondino da modellismo del diametro di 7 mm e lunghezza di 6 cm. La parte centrale e’ stata scavata con un coltellino da modellismo come mostrato in figura. 

 

Per la realizzazione dei due mozzi delle ruote e’ stato usato sempre il tondino da 7 mm di diametro opportunamente rastremato con la mola del dremel (bisogna formare un tronco di cono di lunghezza 1 cm). 

 

In corrispondenza dei due longheroni bisogna incollare due prolungamenti. Quelli avanti devono essere dei coni di lunghezza 1 cm e spessore 4x4 mm. Quelli del longherone nella parte finale del carro invece sono due cubi di dimensione 0.5 cm di lunghezza e spessore 4x4 mm. 

 

Adesso bisogna passare alla colorazione. A questo scopo ho utilizzato del colore noce per il legno della Veleca diluito con acqua. 

 

Una volta che i pezzi sono asciutti si parte con l’assemblaggio. Per l’incollaggio ho utilizzato la colla per modellismo della Bostik. Nella foto l’assemblaggio dei due longheroni e delle due stanghe. Il longherone di avanti va posto a 7 cm dall’ inizio delle stanghe mentre quello di dietro a 8 mm dalla fine delle stanghe. 

 

Dopo di che si incollano gli assi del cassettone del carretto. 

 

E subito dopo l’asse delle ruote a meta’ della distanza tra i due longheroni. 

 

E dopo i prolungamenti dei due longheroni. 

 

Con il trapanino della Dremel si effettuano 6 fori (3 per ogni stanga) per posizionare le assicelle. 

 

Sempre utilizzando la colla Bostik sono state attaccate le due ruote all’ asse centrale. Alle ruote sono stati incollati precedentemente i due mozzi. 

 

Poi si fissa il freno sulla ruota di destra incollandolo sotto il cassone del carro. 

 

Con del colore argento della Enamel si dipingono le due strisce di ottone delle ruote e si fa una striscia di colore argento intorno ai due mozzi come mostrato in figura. 

 

E’ tutto. Adesso potete posizionare il vostro carretto napoletano dove volete sul vostro presepe popolare. 

Come costruire un stufa a legna per presepi popolari

Ringraziamo Cyrille cantelli e pubblichiamo un suo tutorial fotografico per costruire una stufa a legna utilizzando semplicemente un rotolo di carta igienica.

Guardate cosa riesce a fare

Come costruire un presepe in miniatura

Piccolo tutorial per la creazione di un presepe in miniatura 

Fonte : www.ilmondodelletegole.com

Materiali utilizzati per la creazione del presepe

1 - Cartone ( quello che vedete in foto colore arancione )

2 - Polistirene

3 - Sughero

4 -  Pasta di stucco

5- Colori acrilici

 

l cartone serve come base e come supporto retro, quindi va piegato ma non in due parti uguali; la parte che fa da spalla deve essere piu' lunga.  Ho tagliato dei pezzetti di polistirene e li ho incollati alla base cercando di creare una scala. Le colonne sono due legnetti rotondi, Su di essi ho incollato altre parti di polistirene.  Con la pasta di stucco ho ricoperto il polistirene ed ho atteso che si asciugasse

 

 

Il passaggio successivo e' la pittura. Per il tempio ho diluito il nero ed il marrone nell'acqua e con il pennello bagnato ho fatto scivolare il colore sullo stucco, Cosi' diluito, il colore va ad inserirsi nelle varie fessure create e rende più realistico. Per il pannello posteriore ho deciso di disegnare l'Etna come sfondo. Quando e' tutto asciutto ho incollato le figure. Volendo si può aggiungere anche della vegetazione.

Costruzione e colorazione di un edificio - chiesa

Fase di progettazione grafica

Realizzazione della struttura portante in legno e compensato

Si applica alla struttura in legno il foglio di polistirene incollato con la colla vinilica, quindi si fanno prove di assemblaggio del “cemento vulcanizzato”

Effettuate varie prove si passa colla la colla vinilica sopra il polistirene e si applica un foglio di carte senza cellulosa (carta marrone, per avvolgere gli alimenti)- si applicano i pezzi modellati in cemento vulcanizzato alla struttura ancora fresca di colla, sempre utilizzando la colla vinilica.

La struttura è pronta; la colla si è asciugata ed i pezzi in cemento vulcanizzato ( di colore bianco) sono saldamente fissati. La zona marrone è la carta precedentemente fissata, che verrà nascosta con Premix rc9 bianco – grana fine. Il premix in edilizia è il sostituto moderno dell’ intonaco per pareti , che io utilizzo per le scenografie. All’ acqua aggiungo colla vinilica per ottenere una maggiore presa e resistenza.

La struttura della chiesa è posizionata nel suo spazio, nelle foto ho aggiunto l’ ordine superiore della cella campanaria, elemento mobile

Colorazione : si passa si passa un colore molto scuro e acquoso come fondo, ottenuto con il nero, marrone e rosso mattone, con un pennello di grosse dimensione si ricopre tutta la scenografia. Questo procedimento va effettuato a più riprese.

Si fissa il Premix rc9 con l’ aiuto di una spatola, prima che quest’ ultimo si asciughi si procede con la colorazione. Per ottenere l’ effetto pietra bianca del siracusano, uso dei coloranti applicati con il pennello leggermente bagnato. Si procede partendo dai colori più scuri, fino ad arrivare al bianco.

Colorazione ultimata: laddove necessario inserisco tra gli interstizi, bitume diluito con acqua ragia, per ottenere profondità tra una pietra e l’ altra.

Osservando il lavoro svolto, mi sono reso conto che mancava qualcosa alla scenografia, così ho deciso di aggiungere due gradini realizzati in cemento vulcanizzato.

Fase di colorazione: 1- base scura; 2- toni dell’ ocra dal più scuro al più chiaro; 3- bianco applicato con il pennello a pnta piatta

 

Posizionamento: le figure sono state modellate tenendo conto della grandezza e delle proporzioni 

 

Un ringraziamento speciale va ad Ivano Vecchio per aver dato il consenso a pubblicare la sua guida nel mio sito, Potete vedere nel dettaglio le foto