Creare acqua nel presepe

Con l’ avvicinarsi del Natale, ognuno si prodiga a costruire un personalissimo presepe, elemento quasi onnipresente è il fiume con annessa cascata. Adesso vi fornirò delle dritte su come realizzare un presepe con cascata in maniera semplice e poco costosa.

Occorrente per creare acqua nel presepe:

  • Prima di iniziare dovete avere a disposizione sul vostro banco lavoro i seguenti materiali:
  • Base di compensato e polistirene
  •  motorino con pompetta per cascata
  •  vaschetta larga e alta
  •  colla a caldo
  • taglierino
  •  cucchiaino
  • colla vinilica
  •  pittura resistente all’acqua
  • una volta reperiti tutti i materiali possiamo procedere.

Per riproporre una cascata con acqua reale è necessario acquistare un motorino apposito, reperibile a pochissimi euro. La base su cui costruire il presepe con la cascata deve essere solida e avere un dislivello di almeno 15 cm. Il compensato è molto resistente e il polistirene che è leggero e impermeabile, ciò permette di ottenere risultati ottimali. Assicuratevi di avere un vano che contenga il motorino al di sotto della superficie , per questo potete utilizzare anche una vaschetta del gelato media. Tracciate i contorni della stessa vaschetta sulla superficie di polistirene e ritagliate l’area con un taglierino. utilizzate per il sostegno, i bordi della stessa vaschetta in modo che si incastri semplicemente aggrappandosi: per far questo prendete la misura partendo dalla base. Riponete quindi il motorino nella vaschetta e passate a ritagliare pezzi di forma irregolare, uno più piccolo dell’altro, per creare vari livelli, fissandoli con la colla vinilica. Modellate i gradoni del dislivello creato smussando gli angoli e creando sulla sommità una sorta di ulteriore vaschetta dove si raccoglierà l’acqua. Anche il percorso della cascata e del fiume andranno scavati creando per ogni livello una piccola vasca, per poter ottenere un flusso dell’ acqua regolare e non troppo veloce. Correggete dove è necessario aiutandosi sempre con il taglierino o con un cucchiaino. Intagliate l’ultimo tratto del fiume con la cascata fino alla vaschetta per creare un fantastico lago. Attenzione è necessario dare una guida all’acqua usando anche un pezzo di plastica trasparente nel polistirene stesso e creando una sorta di canaletta. Prima di ultimare, fate anche un test con dell’acqua per capire se il percorso è idoneo e che il liquido non straripi in qualche punto. Dipingete la cascata e il corso del fiume, sistemate il tubo dell’acqua del motorino praticando un foro con un cacciavite sulla sommità e posizionando il motorino nella vaschetta. Usate la colla a caldo per isolare la vaschetta, i fili, e i vari punti per incanalare l’acqua e avrete creato la cascata in modo semplice, economico e in modo abbastanza veloce. Se vi capita di creare buchi nel percorso del fiume basta applicare della colla vinilica impermeabilizzante.

Nota bene

Se vi capita di creare buchi nel percorso del fiume, non allarmatevi è sufficiente applicare colla vinilica impermeabilizzante, e tutto sarà risolto.

 

 

 

Introduzione

Nel  presepe determinato dal paesaggio desertico, tipico  della narrazione dei Vangeli, non può mancare una piccola oasi che serviva per abbeverare cammelli e pastori durante il lungo viaggio per raggiungere la capanna di Betlemme. Ecco le indicazioni per creare un’oasi in maniera semplice.

Occorrente

  • Seta blu
  • manico di scopa
  • pigna
  • filo di ferro
  • carta verde o feltro
  • colla e forbici
  • sassolini

gli occorrenti sono facilmente reperibili nei negozi di bricolage, nei mercatini rionali o, se siamo fortunati, anche rovistando in soffitta e ritagliando stoffe di indumenti inservibili. È consigliabile montare la nostra oasi su un pezzo di cartoncino, in modo da poterla posizionare a nostro piacimento con facilità e non doverla ricreare ogni Natale. Posizioniamo la seta blu creando un laghetto rotondo e senza increspature, poiché l’acqua delle oasi è solitamente statica per mancanza di vento, e fermiamo la stoffa utilizzando i sassi. Adesso procediamo con la realizzazione delle palme, imprescindibile elemento della vegetazione di un’oasi del deserto che si rispetti.

Prendiamo un manico di scopa e seghiamolo in almeno quattro parti della lunghezza di 20 cm ciascuno; dalla pigna secca stacchiamo le varie foglie ed incolliamole attorno al tronco fino a copertura completa, creando quell’increspatura del tronco proprio come una vera palma; nella parte alta del tronco arrotoliamo un mazzetto di fili di ferro, apriamoli a raggio, e posizioniamo le foglie lunghe e verdi, tipiche delle palme; disegniamo sul foglio di carta verde una foglia lunga e tagliamone i bordi con le forbici lungo tutto il margine, ma senza arrivare fino in fondo: avremo così una foglia sfrangiata che incolleremo sul filo di ferro.

 

Con questo procedimento realizziamo le altre tre palme, e con dei sassi realizziamo un sostegno per le stesse in modo che possano rimanere erette. Incolliamo quindi i sassolini intorno alla base del tronco in maniera che le palme restino erette e risulti facile posizionarle attorno alla nostra oasi. Cercate di sfruttare il materiale a nostra disposizione nel modo più fantasioso e realistico possibile. Ogni elemento potrebbe essere spunto di ispirazione e materiale da riciclo al tempo stesso. Ad esempio i filamenti che ricoprono il cocco: prendiamoli ed appiccichiamoli pure sul fusto delle piante. Il messaggio è di sostituire, ove possibile, i vari materiali indicati con pezzi simili riciclati da oggetti che abbiamo in casa e non utilizziamo più.

Acqua vera nel presepe

La Fontana

pompa acqua per presepi

Per ottenere l’ effetto dell’ acqua nel presepe bisogna tener conto che il suo utilizzo  può essere rischioso soprattutto se in vicinanza di un impianto elettrico. Utilizzate sempre basse tensioni sul piano del presepe perché rimane sempre alla portata dei visitatori e la tensione 220 Volt potrebbe generare pericolosi surriscaldamenti. Per una fontana necessitiamo di una vaschetta e una pompa per il riciclo dell’ acqua. Per questa ultima dobbiamo calcolare la portata, quanta acqua in un minuto riesce ad alzare dalla vasca, per poter dimensionare correttamente la struttura in base alla grandezza della stessa fontana. Le pompe usate sono quelle presenti nei negozi che vendono acquari di tutte le dimensioni e le portate. Le pompe piccole sono cosiddette ad immersione, cioè vengono immerse direttamente nella vasca del riciclo, altre pompe più potenti sono invece esterne rispetto alla vasca.

creare acqua presepe

Nello schema precedente eccovi il prospetto di una fontana tipica da incasso in un muro. Questo particolare è di estrema importanza in quanto va predisposta una parete, per esempio di una casa, ove collocare la fontana come da foto.

La fontana dovrà essere ispezionabile soprattutto per la parte della pompa per permettere un controllo sul livello dell’ acqua ed ovviare problemi di otturazione per impurità  e sostituzione della stessa per rottura.

Il rivestimento della vasca, che dovrà essere proporzionata ai personaggi, ovvero non dovrà superare i ¾ dell’ altezza degli stessi, potrà essere eseguito con polistirolo e poliuretano o anche  in cemento soffiato che è un materiale leggero e resistente all’ acqua e al tempo stesso eccellente  per queste applicazioni, usare silicone per migliorare l’ adesione delle strutture, essendo un materiale elastico e resistente.

fontana presepe

Il tubicino di fuoriuscita dell’ acqua deve essere di rame o plastica, in commercio ve ne sono  vari  tipi con diametri svariti. Per collegare il tubo alla pompa si possono utilizzare dei raccordi che nella maggior parte dei casi sono forniti all’ acquisto. La pompa dispone di un potenziometro per il controllo del flusso dell’ acqua. E’ bene in molti casi dopo aver effettuato il lavoro di rivestimento dell’ opera , come visto nella sezione strutture, si dovrebbe utilizzare dell’ isolante dopo la fase di colorazione per impedire che il colore si possa sciogliere. Per un miglior effetto realistico aggiungere tra i colori del verde, ocra, nero Roma, soprattutto nelle fessure, negli angoli e nelle vicinanze del tubo di fuoriuscita dell’ acqua per simulare l’ usura del tempo e il muschio che talvolta cresce nelle fontane antiche.

Effetto acqua con resina nel presepe

Se non vogliamo usare acqua in movimento, possiamo optare per resine che simulano perfettamente l’ acqua, in vendita nei negozi di modellismo. Tale resina è di tipo bi-componente, ovvero viene miscelata con un catalizzatore, in quantità opportune indicate nelle istruzioni, ed indurisce nel tempo , circa 24 ore, e simula perfettamente l’ acqua nella vasca. La fontana deve essere munita  di un fondo rialzato, in quanto l’ effetto della resina si ha già con uno o due centimetri di tale sostanza, il fondo può essere di polistirolo , poliuretano stuccato con gesso e colorato, con blu misto a verde o marrone, in base alle vostre preferenze. Il fondo colorato sarà visibile perché la resina è trasparente. Per il filo di acqua che cade dal rubinetto, si possono usare i fili da pesca intrecciati oppure le fibre ottiche spezzate che possono essere immersi nella resina quando comincia ad indurire, otterrete un risultato sbalorditivo. Questa resina è largamente usata anche per creare laghetti oppure fiumi sintetici, oi pozzanghere . Il fiume o il laghetto si ottiene con la tecnica del gesso in aggiunta alla resina .

resine per acqua presepi

Nella figura precedente è illustrata una delle resine più utilizzate, reperibile  nei negozi di modellismo. Tale resina è bi-componente, vale a dire  che per farla indurire bisogna miscelarla con un componente tipicamente un catalizzatore. Una volta preparato il prodotto, in percentuali opportune riportate sulla confezione, bisogna attendere il completo indurimento del prodotto per almeno 12 ore.

Un esempio di fontana con resina e fili trasparenti per ottenere  l’ effetto dell’ acqua che fuoriesce dal tubo.

fontana presepe

Nello schema si evidenzia che lo spessore, e dunque la quantità di resina da mettere all’ interno della fontana non deve essere eccessiva. Nella maggior parte dei casi è necessaria una quantità di 1 , 1,5 cm per ottenere  l’ effetto desiderato. Ricordarsi di colorare il fondo con tonalità verde- azzurra, la resina infatti , tende a far trasparire il colore.

resina per acqua fontana

Un esempio di una fontana in cui si nota, sul bordo e sul pavimento, la resina, utilizzata per simulare l’ acqua.

Il fiume nel presepe

Per ottenere un fiume è necessario  prestare molta attenzione a compiere tutti i passi necessari affinché si scongiuri il rischio di perdita di acqua ed efficienza. Come prima cosa è necessario avere una bozza del corso del fiume che si vuole realizzare. La sorgente del fiume e la fine devono essere celati con ingegno , la sorgente avrà il tubo che porterà l’ acqua e alla fine invece ci sarà il riciclo. Il fiume deve posare su un unico piano senza interruzione, a meno che, non si voglia ottenere una cascata, ad esempio

fontana per presepi

Questo rappresenta uno schema di massima per la realizzazione del fiume ora concentriamoci sulla  realizzazione pratica dello stesso.

schema per fontana presepe

La pompa può essere anche ad immersione cioè direttamente immersa nella vasca di riciclo, nello schema viene usata una non a immersione , in tal  caso la vasca di riciclo deve avere un foro da cui fuoriesce l’ acqua. Si utilizza uno scarico da lavandino apposto all’ interno della vasca in plastica e raccordi opportuni. Una volta a disposizione del piano di appoggio , disegnare il percorso, tenendo presente  che per le regole della prospettiva alla sorgente il corso deve essere più stretto e man mano che scende deve essere più largo. Si disegnano anche le anse,  anche se si deve prestare attenzione che le stesse dal punto di visuale dove si è scelto di porre il visitatore , non celino  la visuale dell’ acqua che scorre.

In figura un piano con i bordi del fiume già predisposti, tali bordi dovranno essere più larghi del risultato finale desiderato. Per nascondere le parti di sorgente e di riciclo potete ricorrere alle montagne in iuta o in gommapiuma. Un’ altra importantissima cosa da sottolineare,  è la pendenza, infatti il fiume deve essere posto in leggera pendenza per lo scorrimento. Questa non deve essere eccessiva, in un presepe l’ acqua deve necessariamente scorrere lenta e dolce , quindi il piano deve essere inclinato di poco al massimo 5-6 % , bastano cioè pochi centimetri per farla scorrere. Quindi come visto nel prospetto, ci deve essere un piano orizzontale ed un piano inclinato dove scorre il fiume vero e proprio. Questi piani devono essere resistenti ed elastici perché la struttura , se molto grande, potrebbe pesare abbastanza. Utilizzate degli spessori in legno per rialzare la parte posteriore del piano di scorrimento del fiume, meglio usare viti al posto dei chiodi per la loro resistenza maggiore agli sforzi e per la praticità di utilizzo. Una volta disegnato il corso occorre creare i bordi del fiume per la creazione del letto vero e proprio. I bordi vanno realizzati utilizzando degli spezzoni di cantinella avvitati al piano di appoggio che seguano il disegno che si ha in mente.

creare fontana per presepi

Fissati  i bordi bisogna disporre di un foglio di plastica intero che dovrà essere inserito  nel letto e sui bordi in modo che sporga abbondantemente all’ esterno. Prima di questo passaggio, per incollare il foglio di plastica, utilizzare la resina impiegata  per isolamento dei terrazzi esterni, ce ne sono anche tipologie solubili in acqua, di diversi colori optate per il colore azzurro. Con un pennello cospargere la superficie e i bordi ed incollare la plastica, tale plastica deve sporgere dal letto alla sorgente e soprattutto alla foce, attenzione a non bucarla in queste zone.

creazione fontana presepe

Dopo questa procedura che rappresenta una sicurezza aggiuntiva  alle  perdite e all’ umidità, procediamo con la costruzione del letto, simulandone uno vero con sassi e terreno. Sui bordi è necessario utilizzare spezzoni di compensato appoggiati con silicone, per evitare che l’ acqua risalga in superficie e crei  umidità al terreno.

creare fontana presepe

Le immagini illustrano il posizionamento dei bordi di compensato, utilissimi per fare da collegamento tra il letto del fiume e la campagna circostante. La plastica è stata posata incollandola con la resina al piano, naturalmente si creeranno delle pieghe originate dalla curvatura.

creazione fiume presepe

Il bordo di compensato sezionato a piacere, va incollato con silicone sulla plastica presente  sul bordo , in questo caso delle normali cantinelle. Dalle immagini si evince come la resina è stata posata con pennello per maggior sicurezza, sulla plastica. Notare che la stessa plastica viene posta in abbondanza alla fine del corso del fiume per permettere la cascata nella vasca di riciclo. Dopo questo lavoro si inizia a lavorare il letto, si stende a questo punto della iuta o della stoffa all’interno. Per fare questo occorre che la iuta sia ben sagomata nei bordi e non tocchi assolutamente il compensato che è stato posto precedentemente. In questo modo l’ acqua non potrà risalire sul bordo, evitando così anche l’ umidità che tende inevitabilmente a risalire nel presepe. La iuta può essere incollata con silicone o con la resina precedentemente vista o semplicemente appoggiata.

Procedere con il rivestimento in  iuta, per far ciò è necessario usare  il cemento a presa rapida da spennellare liquido sulla iuta in modo che aderisca alla trama del tessuto. Si può miscelare anche con piccoli sassi , tronchetti di legno, con colore a terra marrone o ocra al cemento grigio, per conferire una tonalità più naturale. Mentre si spennella il cemento si possono incollare sassolini che dovranno essere disposti dove si vuole che scorra l’ acqua. Per colorare il fondo del fiume si può usare  colore acrilico miscelati a vinavil , per ottenere un effetto più duraturo nel tempo, oppure colorare il fondo e poi isolarlo con resina trasparente.

creazione acqua presepe

Ricordiamo che dato che i bordi vengono rialzati rispetto al piano di lavoro, bisogna riempire il bordo in modo che il terreno circostante il fiume sia all’altezza del bordo stesso, per questo come si diceva all’ inizio il fiume deve essere posto quasi perpendicolare rispetto all’ osservatore perché se ci si muove di lato scompare lo scorrere dell’ acqua.

creare corsi d'acqua presepi

Un  esempio di fiume con acqua, stuccato con gesso bianco con aggiunta di sassolini sui bordi inseriti con il cemento.

fiume presepe

Eccovi un esempio di fiume ultimato,  completo di vegetazione di  un pescatore per rendere ancora più realistico il risultato. Dall’ immagine , il letto del fiume risulta essere molto più stretto rispetto al disegno iniziale. Questo osservazione è necessaria per poter progettare le misure abbondanti sia in altezza che in larghezza ed evitare che alcune parti possano far fuoriuscire l’ acqua o essere non visibili all’ osservatore.

fiume presepi

Resine e cascata per presepi

Le resine di isolamento trasparenti sono utilissime per impermeabilizzare la struttura di un fiume o di una cascata e dunque è necessario approfondire l’ argomento.

resina acqua presepi

In figura un  esempio di resina per isolare dall’acqua che si presenta in grani , in vendita in negozi di belle arti perché impiegata nel restauro di quadri. In precedenza abbiamo visto che per costruire un fiume, o una cascata, più complicata dal punto di vista strutturale, invece di usare il cemento, si opta per la tecnica del gesso, la stessa che abbiamo visto per realizzare le rocce. Se vogliamo ottenere una cascata, è necessario creare una struttura che sorregga tutto, anche  da dove fuoriesce l’ acqua che viene poi convogliata in un bacino per essere poi riciclata.

schema acqua per presepi

Il tutto è costruito sulla falsariga di quello precedentemente visto con iuta e cemento ma se vogliamo utilizzare la tecnica del gesso lo possiamo anche fare. Innanzitutto  bisogna creare la struttura che dovrà sorreggere il materiale.

cascata presepe

Nella foto vi mostriamo una struttura tipica per una cascata. Per realizzarla è necessario predisporre il foro per la sorgente in cui apporre  il tubo proveniente dalla pompa ad immersione. La pompa ad immersione ( quella usata per gli acquari), deve essere dimensionata in base all’ altezza della cascata, infatti, nelle specifiche della medesima,  viene riportata l’ altezza massima della forza di elevazione dell’ acqua che è necessaria per comprendere  come dimensionare la cascata, specialmente in altezza. Successivamente, predisponiamo il letto dove far scorrere l’ acqua, realizzabile in legno e compensato e rivestito in plastica e iuta. A questo punto, per ottenere il fondo, le rocce e tutta la parte restante, si ricorre alla  tecnica del gesso, con rocce costruite  in polistirolo, rivestendo il fondo, ed evitando la creazione di fori nella struttura. Ad asciugatura e colorazione del gesso ultimata, si procede con il trattamento della resina trasparente. Tale resina, viene posizionata sulla struttura a pennello e sciolta con solventi , solitamenteacetone o alcool. In  commercio esistono alcune resine chevengono sciolte a caldo in un pentolino. Ovviamente , come detto precedentemente, la colorazione deve avvenire prima dell’ applicazione della resina che, essendo trasparente, permette la visione della colorazione che si è predisposta. La stesura della resina avviene con diverse mani, fino a completa copertura della struttura. Successivamente si deve procedere con un riciclo, ciò avviene solitamente con l’ uso di una bacinella,  predisposta per alloggiare la pompa e per permettere che l’ acqua cada in una struttura in grado di accoglierla senza fuoriuscite. Isolate  tutte le zone che sono a contatto con il terreno circostante il bacino e la cascata, poiché  l’ acqua tende a inumidire il terreno e con il tempo bagna l’ esterno della struttura causando danni

laghetto per presepi

Ecco mostrata una cascata realizzata interamente in silicone, ciò per dimostrare che esiste un modo per ottenere un risultato realistico anche con l’ uso di prodotti artificiali. I suddetti  prodotti sono in vendita in rete e sono resine e silicone adatti a simulare l’ effetto dell’ acqua in movimento, sfruttando l effetto ottico , perché l acqua è fissa e statica.

Un pensiero su “Creare acqua nel presepe

  1. saverio dice:

    Buongiorno
    ho letto con interesse quanto proposto in tema di realizzazione di un fiume per il presepe.
    Ho un solo dubbio, spero mi possa aiutare, e riguarda la procedura per riempire i bordi realizzati i compensato.
    Può darmi qualche ragguaglio?
    Grazie
    Saverio Catrambone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

X